Logo RBN
Maria Teresa PDF Stampa E-mail

NOME: Maria Teresa
DATA DI NASCITA: 28/02/1948
HOBBY: cucire e leggere

 

    Pace a tutti!

    Fin da piccola ho sentito parlare di Gesù, di un Gesù che guarisce, salva e perdona, essendo mia madre una cristiana evangelica, ma ero morbosamente legata a mio padre il quale era lontano da Cristo, così ero fra due mondi.

    Crescendo dentro il mio cuore desideravo il Signore, ma la mia vita era lontana da Lui. Spesso pregavo chiedendo a Dio perdono e lo ricevevo, ma subito ritornavo alla mia vita.

    Avevo un marito che mi amava e due splendidi bambini. Quando ero in attesa del terzo, al quinto mese ho avuto un grave problema e la vita del bimbo era a rischio. Mio figlio nacque all’ottavo mese con i polmoni che non funzionavano e viveva solo attraverso i macchinari. Così chiesi a Dio di salvarlo e Lui lo fece. Il suo primo anno di vita fu terribile, tra cliniche e casa. Il giorno del suo primo compleanno fu operato di ernia strozzata e avendo problemi polmonari era in pericolo di vita, ancora una volta mi rivolsi a Dio, con la certezza di ricevere risposta. Mi chiusi nel bagno dell’ospedale, pregai col cuore e Dio che è meraviglioso operò ancora una volta. Dopo tre settimane, mio figlio aveva i soliti problemi polmonari e i medici mi dissero che non potevano fare miracoli. Mi ricordai che quel Dio che pregavo ma ancora non sentivo era un Dio di miracoli. Così telefonai a mio fratello in Italia (io vivevo in Germania) e gli chiesi di pregare insieme alla Chiesa per il mio bambino. La Chiesa pregò ed io ho creduto e mio figlio è completamente guarito.

    Da quel momento è iniziata la mia conversione, perché prima pregavo di nascosto e solo al momento del bisogno, da quel momento in poi pregavo davanti a mio marito e alle sue pesanti critiche. Ma la mia gioia era grande: mio figlio era guarito!

    Ritornai in Italia che mio figlio piccolo aveva 4 anni. Chiesi a Dio l’opportunità di seguirlo e avrei lottato per Lui.

    Un giorno c’era un missionario in Chiesa e chiesi a mio marito di poter andare, anche se a malincuore acconsentì. Quella sera feci un vero incontro con Dio, ci fu un appello per chi voleva accettare Gesù come personale Salvatore, alzai la mano e facendomi avanti per accettare Gesù sperimentai la Sua presenza in modo forte e meraviglioso. Ritornata a casa ero pronta a combattere e le lotte ci furono perché mio marito era furioso, non voleva che continuassi, ma Dio mi aveva dato forze speciali e dopo tre settimane la lotta era stata vinta.

    Premetto che ero tornata dalla Germania gravemente malata, non ero in grado di essere né una buona madre né altro. Un giorno non riuscivo nemmeno ad alzare le braccia, ma decisi di andare ad una riunione di preghiera, qualcuno disse: ”Preghiamo per la guarigione”. Dentro di me dissi: ”Signore, guarisci la persona a cui è diretta la preghiera, ma se Tu vuoi puoi guarire anche me, toglimi questi terribili dolori”. La mattina dopo mi svegliai sbloccata, capii che la guarigione era per me, iniziai a pulire a fondo la casa e il giorno dopo feci gnocchi di patate perché prima con le mani non potevo nemmeno tenere la penna figuriamoci fare gnocchi.

    La domenica mattina ho telefonato alla Radio Buona Novella e ho dichiarato che Dio mi aveva guarita.

    Sono passati quasi vent’anni da allora, chiesi a Dio di dedicare del tempo per l’opera Sua ed è così che proprio da quasi vent’anni svolgo programmi alla RBN. È un modo per ringraziare il mio Gesù per la salvezza, per la guarigione e per la gioia che ha messo nel mio cuore.

    Mi pento solo di non averlo accettato prima come mio personale Signore.

Io ero ridotta in misero stato ed Egli mi ha salvato.

 
< Prec.   Pros. >