Logo RBN
Conosci Gesù? PDF Stampa E-mail
Gesù, voltatosi, e osservando che lo seguivano, domandò loro: «Che cercate?» Ed essi gli dissero: «Rabbì (che, tradotto, vuol dire Maestro), dove abiti?»
Giovanni 1:38


Questa settimana voglio porvi questo quesito: conosci Gesù? Probabilmente mi risponderai di si, perché anche se non sei religioso, devi ammettere che non c’è mai stato un uomo come Lui, tanto da aver cambiato la direzione della storia, lo puoi notare anche guardando il calendario, che scandisce quanti anni sono passati dalla sua venuta (più o meno).


Ma cosa conosci di Gesù? Lo conosci realmente?
Conoscere significa: sapere chi è, avere relazione, familiarità con Lui. È questo il modo in cui conosci Gesù?
Forse lo hai cercato, o forse non ti è mai interessato approfondire questa conoscenza, perché ti è sembrata qualcosa di lontano, irraggiungibile o poco credibile…
Eppure Gesù ti sta aspettando, vuole che fai un passo verso di Lui, per donarti un amore speciale, vuole un’intimità con te, una profonda amicizia, perché Lui ti conosce bene, sa di cosa hai bisogno, ha le giuste risposte per te, a quelle domande che assillano la tua mente…

 

In questo passo della Bibbia, ci sono due discepoli di Giovanni Battista, ai quali il loro maestro, vedendo Gesù, dice: “Ecco l'Agnello di Dio”. Così questi due uomini decidono di seguirlo. A questo punto Gesù sentendo la loro presenza alle spalle, si volta e chiede “che cercate?”, non era un rimprovero, ma un invito a presentarsi, vedendoli timidi nel parlare, era un incoraggiamento. E Gesù ti invita in questo momento a presentarti, a presentare la tua richiesta, a farti avanti senza timidezza.
La loro risposta ci potrà sembrare strana, ma analizzando la prima parola “Rabbì”, cioè maestro, si capisce che loro cercavano qualcuno da cui imparare. Chiedendogli dove abitasse esprimevano il desiderio di conoscerlo meglio, un posto dove poter parlare tranquillamente, dove poter sapere più di Lui, non cercavano qualcuno con cui scambiare qualche parola per strada, ma volevano conversare con Lui con calma… e così fu, Gesù rispose “venite e vedrete” e rimasero con Lui tutto il giorno.
Le cose che Gesù condivise con loro furono così belle che il loro desiderio più grande fu quello di condividerle con i loro amici e parenti. Andrea (uno dei due discepoli) trovò suo fratello Simone e gli disse: “abbiamo trovato il Messia”. Che bello, per questi giovani all’inizio dell’incontro Gesù era un Maestro, alla fine della giornata era il Messia.

 

Tu che cerchi il Signore hai bisogno di conoscerlo intimamente, personalmente.
Tre passi: conoscere amare seguire. Nessuno ama chi non conosce e nessuno segue chi non ama. Il primo slancio del cuore, quindi, è proprio questo: conoscere Gesù..
Ti propongo, per conoscere Gesù, di cominciare attraverso la lettura della Bibbia, perché attraverso di essa, Lui ti parla, se non ne possiedi una, mettiti in contatto con noi, te la regaleremo volentieri. Un secondo passo è la preghiera, un semplice dialogo con Dio, con parole tue, raccontagli i tuoi problemi, condividi anche le gioie con Lui, vuole essere tuo amico, rivolgiti a Lui come tale.

 

Ricordati che il Signore non vuole nulla da te, ma vuole  il meglio per te.

 
< Prec.   Pros. >